Un’importante delibera della Corte Suprema relativa ai risarcimenti per i clienti delle agenzie di viaggi


La Corte Suprema, con la delibera del 19 maggio 2016 (IIICZP18/16) ha deciso che il cliente di un’agenzia di viaggi insolvente è atto a richiedere  al soggetto assicuratore legato con la garanzia assicurativa il rimborso di tutte le somme da lui versate a titolo di partecipazione ad un evento turistico.

La suddetta delibera è stata votata nell’ambito della soluzione del quesito legale inoltrato dal Tribunale Regionale di Cracovia. Nel quesito si chiedeva se il cliente di un’agenzia di viaggi insolvente ha il diritto, nel corso del contenzioso contro un assicuratore, di richiedere in modo  autonomo il rimborso delle somme di cui sopra o se l’unico ad essere legittimato a inoltrare la richiesta di rimborso sia il presidente dell’organo esecutivo del voivodato. Siccome conformemente alla Legge del 29 agosto 1997 sui servizi turistici, l’avente il diritto materiale a titolo della garanzia assicurativa „turistica” è il cliente, partecipante dell’evento turistico allora, allo stesso modo, il pagamento delle prestazioni avviene a favore del cliente e non a favore di un’autorità pubblica.

Related Posts